Guida di installazione ad immagini di Debian Sarge

Lun, 20/09/2004 - 03:22

Guida di installazione ad immagini di Debian Sarge

Inviato da virusbye 5 commenti

Più di 140 screenshot che guidano passo passo all'installazione di una Debian Sarge.

Guida Sarge

Debian [www.debian.org] sta facendo passare la versione Sarge (in data 13 ottobre 2004) dalla versione Testing a Stable, sostituendo la ormai famosa versione Woody. Su idea della seguente guida [http://digilander.libero.it/mcgoge/Debian/index.html], la presente ha lo scopo di aiutare nel processo di installazione, grazie a numerosi screenshot e, dove possibile, con l'ausilio di GIF animate. La guida nasce con l'esigenza di descrivere il processo di installazione utilizzando il nuovo installer della Sarge che risulta diverso (a volte anche molto) dal vecchio installer della Woody, e cerca di trattare tutti i punti prima e dopo l'installazione, che sono molto importanti per avere un ambiente desktop accogliente.

Per catturare le schermate è stato usato il programma di emulazione QEMU [www.qemu.org].

La guida è ideata e realizzata interamente da Fabrizio Ciacchi http://fabrizio.ciacchi.it - fabrizio@ciacchi.it.

La guida è riproducibile su altri siti e/o media, a patto che si lascino intatti i copyright e che non si stravolga il senso della stessa.

La guida è stata prodotta utilizzando gEdit e Gimp [www.gimp.org] ed è stata testata con il browser Mozilla Firefox 1.0 [www.mozilla.org].

La guida è disponibile anche all'indirizzo [http://fabrizio.ciacchi.it/guide.php?pagina=sarge].

PRIMA DELL'INSTALLAZIONE

Uno dei punti di forza di Debian consiste nella possibilità di essere installata, oltre che dal comunissimo CD-Rom, anche da altri supporti, come penne USB o i più tradizionali dischetti ([www.debian.org/devel/debian-installer]). Proprio quest'ultimo metodo permette di eseguire il netinstall, una modalità di installazione grazie alla quale quasi tutto viene installato con l'ausilio di una connessione internet, scaricando al volo tutto il necessario.
Da qui [http://cdimage.debian.org/pub/weekly] possono essere scaricate le ISO della Sarge (a noi basta il primo CD per poter installare un sistema completo). Come si può notare esistono CD per diverse architetture, quella da scegliere per un normale computer è i386, mentre le altre sono per architetture di computer differenti (ad esempio i Macintosh). I file ".ISO" scaricati devono essere masterizzati; ecco la procedura da seguire con

  • Easy CD Creator [www.roxio.com], selezionare File, Record CD from CD image. Cambiare ora il Tipo di file a ISO image file. Cercare poi il file ISO e cliccare su Open. Cliccando poi su Start recording si dà inizio alla scrittura sul CD-R.
  • Nero Burning ROM [www.nero.com], selezionare File, Burn CD image. Selezionare il tipo di file a *.* e cercare il file ISO. Le versioni di Nero più vecchie potrebbero non riconoscere il formato, confermare comunque. Nella schermata successiva selezionare i seguenti parametri:

    Type of image: Data Mode 1
    Block size: 2048 bytes
    File precursor and length of the image trailer: 0 bytes
    Scrambled: no
    Swapped: no
    Adesso cliccare su OK e Burn

  • cdrecord, scrivere semplicemente cdrecord dev=/dev/hdc (dove /dev/hdc è la periferica del masterizzatore) seguito dal path del file ISO (es. /home/utente/immagine.iso).
  • K3B [www.k3b.org], selezionare Tools > CD > Burn Image. Selezionare ora l'immagine da masterizzare e cliccare su Start.
  • Le immagini dei dischetti, invece, possono essere reperite sia all'interno del CD, nella cartella D:\install\floppy (Windows) o /mnt/cdrom/install/floppy (Linux), oppure sono scaricabili da [http://http.us.debian.org/debian/dists/testing/main/installer-i386/rc1/images/floppy]. Come detto precedentemente, utilizzando i dischetti, tutto il necessario (o meglio quasi tutto) verrà scaricato da Internet (è consigliabile una connessione ADSL o superiore). I file da scaricare sono boot.img (disco 1), root.img (disco 2), cd-drivers.img (disco 3) e net-drivers.img (disco 4); dopo essersi assicurati di avere almeno quattro dischetti formattati già pronti all'uso, apporre su di essi un'etichetta adeguata e procedere come segue:

  • Linux

    Inserire il dischetto formattato

    Aprire una shell e dare i seguenti comandi:
    $ su
    - inserire la password di root -
    # dd if=file of=/dev/fd0 bs=1024 conv=sync ; sync
    (dove file rappresenta il file immagine, con l'eventuale percorso, di cui si intende creare il dischetto)

  • Windows
    Avviare l'utility rawrite (scaricabile da [www.minix-vmd.org/pub/Minix-vmd/dosutil]), inserire il nome del file immagine ed il drive di destinazione (tipicamente A:).
    Se si vuole installare da floppy, settarlo come primo dispositivo di boot all'avvio, inserire il disco 1, quindi riavviare il computer, verrà poi chiesto il disco 2 e, successivamente, anche i restanti.
  • Programmi contenuti in Sarge

  • Kernel 2.4.26 o 2.6.7
  • XFree86 4.3.0
  • KDE 3.2
  • GNOME 2.6
  • Mozilla Suite 1.6
  • OpenOffice.org 1.1.2
  • KOffice 1.3.2
  • Abiword 2.0
  • Gnumeric 1.2
  • Xmms 1.2
  • The Gimp 1.2
  • Synaptic
  • [pagebreak]

    INSTALLAZIONE - 1a PARTE

    L'esempio sotto riportato si riferisce ad un'installazione dal primo CD di Debian Sarge, in un ambiente in cui sia disponibile una connessione ad Internet tramite Lan (per connessioni tramite ADSL o con 56K si provvederà a breve a fornire le esatte indicazioni), su un computer dotato di lettore CD-Rom (o equivalente). Ovviamente oltre ad avere una copia masterizzata correttamente del primo CD, bisogna abilitare (eventualmente andando a modificare l'opzione apposita nel Bios) l'avvio dal CD-Rom come dispositivo primario.

    Per iniziare ad installare Debian (dopo essersi assicurati di aver opportunamente modificato il BIOS), inserire il CD (il primo) e riavviare il Computer, dopo le inizializzazioni di rito (controllo della RAM ecc.), apparirà la seguente schermata:







    Come si può notare dall'animazione esistono diversi comandi che possono essere dati al posto del classico (che fa partire l'installazione). Innanzitutto si possono utilizzare i tasti funzione () per visualizzare eventuali schermate di aiuto, nel dettaglio:


    • - Mostra la pagina di aiuto in figura (000b.png);

    • - Ci informa sui requisiti della macchina per installare Debian;

    • - Mostra dei parametri di avvio speciali;

    • a - Parametri di avvio speciali per hardware particolare;

    • - Informa su come ottenere aiuto per eventuali problemi di installazione;

    • - Informazioni sul progetto Debian;

    • - Copyright ed avvertimenti

    La schermata più importante è sicuramente quella rappresentata da , in quanto ci informa sui parametri da utilizzare per avviare la modalità esperta o per, cosa più importante, installare Debian con il kernel della serie 2.6.x. Digitiamo quindi linux26 (l'installazione semplice con il kernel 2.6.x) e premiamo invio, questo sarà il metodo descritto nella seguente guida.

    Dopo il caricamento di un sistema linux base (per permettere l'installazione),

    verrà chiesto di selezionare la lingua utilizzata, selezioniamo Italian e premiamo ,

    selezioniamo la nazione Italia

    e la tastiera Italiana.

    Adesso verranno ricercati eventuali dispositivi (come floppy e CD-Rom),

    verranno inizializzate alcune componenti del programma di installazione

    e verranno ricercate eventuali schede di rete.

    Se il Computer è in una rete in cui è disponibile un server DHCP, verranno automaticamente settati tutti i parametri di rete per navigare, in caso contrario

    dopo un messaggio di errore che ci informa della NON presenza di un server DHCP,

    dovremo selezionare Configura la rete manualmente; se non si dispone di una connessione tramite Router, è necessario selezionare Non configurare la rete in questo momento, sarà poi possibile (ad installazione ultimata) configurare l'eventuale connessione ADSL o 56K.

    Verrè chiesto l'indirizzo IP che vogliamo usare all'interno della rete (ad esempio 192.168.0.2),

    lasciare intatta la Maschera di rete sul valore 255.255.255.0,

    quindi inserire l'indirizzo IP del Gateway, questo dipende dalla vostra rete e dovreste conoscerlo, quindi il valore in figura è puramente indicativo;

    Inserire i server DNS, anche questi dipendono dalla connessione che avete a disposizione e quindi dovreste conoscerli a priori; eventualmente (nel caso non li conosciate) inserite 151.99.125.2 151.99.250.2.

    A questo punto bisogna inserire il nome del computer, questo identificherà il computer univocamente all'interno della rete; se non si hanno altri computer con il solito nome all'interno della rete, lasciare l'impostazione di default debian.

    Analogamente se il computer fa parte di un dominio inserirlo nel campo sottostante, altrimenti mettere un nome qualsiasi e premere .

    Vengono, quindi, inizalizzati i dischi e viene avviato il programma di partizionamento.

    Il programma di partizionamento ci offre delle opzioni, tra cui cancellare l'intero disco fisso (vivamente SCONSIGLIATO), oppure modificare la tabella delle partizioni manualmente. Questo programma, purtroppo, potrebbe dare qualche problema, quindi si consiglia di creare una partizione vuota precedentemente con il primo CD di una distribuzione Mandrake, avviando l'installazione di quest'ultima è possibile utilizzare il programma di partizionamento DiskDrake, forse il più avanzato attualmente disponibile.

    Il programma di partizionamento

    presenta diverse scelte, tra cui Tutti i file in una partizione, Tuttavia, con cui viene automaticamente allocato lo spazio per la root (/) e per la partizione di swap. Eventualmente selezionare Partizione separata per la directory home, in questo modo tutti i nostri dati personali e settaggi, risiederanno su una partiziona che è indipendente dal resto del sistema (in poche parole se in futuro succede qualcosa e dobbiamo reinstallare Debian, non dobbiamo armeggiare con le partizioni, basterà reinstallarla da capo e dirgli di usare la nostra partiziona home; tutti i settaggi ed i file saranno immediatamente disponibili e non dovremo armeggiare con le partizioni e rischiare di cancellare qualche dato importante).

    Il programma calcola le partizioni

    e suggerisce le partizioni da usare. A parte la swap (necessaria per sistemi con RAM inferiore a 256 MB), la partizione contrassegnata dal simbolo / viene impostata come ext3; Ext3 è un filesystem (per i novizi, è un modo di formattare le partizioni) molto affidabile, ma purtroppo non eccezionalmente veloce, si deve, quindi, premere sulla partizione

    e poi di nuovo alla voce Usato come: ext3,

    scorrere la lista e selezionare ReiserFS, quindi premere di nuovo

    Selezionare Preparazione di questa partizione completata

    e poi Terminare il partizionamento e scrivere i cambiamenti sul disco (Attenzione questo farà si che tutte le modifiche diventino permanenti, quindi procedete solo se siete sicuri non di aver intaccato altre partizioni contenenti dati importanti).

    Viene, infatti, presentata una tabella riepilogativa e viene richiesta un'ulteriore conferma; scegliendo Si

    veranno formattate le partizioni

    e verrà installato il sistema base di Debian (questa procedura potrebbe richiedere un po' di tempo)

    quindi verrà inizializzato il bootloader GRUB, necessario per gestire l'avvio di diversi sistemi operativi, tra cui anche l'avvio di Debian.

    Quando richiesto scegliere di installare GRUB nel MBR (Master Boot Record),

    dopo l'installazione di GRUB,

    viene presentata una finestra, la quale ci informa che la prima parte dell'installazione è completata.

    Dopo il completamento degli ultimi processi di installazione il sistema viene riavviato.

    [pagebreak]

    INSTALLAZIONE - 2a PARTE

    Prima che il computer riparta è necessario togliere il CD di installazione o cambiare dispositivo di avvio nel BIOS. Questo perchè adesso il sistema Debian è installato nella partizione scelta e provvederà a completare il processo di installazione, settando tutti i parametri operativi (password ed impostazioni) e installando l'ambiente grafico e tutti gli applicativi di cui abbiamo bisogno.

    La schermata che si presenta all'avvio è quella di GRUB (il bootloader); vengono proposte due scelte molto simili (eventualmente se avete Windows verrà visualizzata la voce relativa), di cui la prima rappresenta l'avvio normale e la seconda l'avvio di emergenza (nel caso ci fossero problemi). Digitiamo sulla prima scelta, oppure aspettiamo qualche secondo,

    il sistema si avvierà e verranno presentate tutte le informazioni di rito di un avvio di un sistema Linux.

    Terminato l'avvio, partirà la seconda fase dell'installazione.

    Come prima cosa bisogna settare l'ora ed il fuso orario, generalmente quelli proposti sono corretti, quindi scegliere Si

    e confermare anche quando viene richiesto se siamo nel fuso orario Europa/Roma.

    Adesso viene chiesta la password di root (l'amministratore, l'utente che ha poteri illimitati sul computer e può fare tutto). Raccomandiamo di usare una password non banale di almeno otto caratteri, tra cui qualche numero e/o carattere speciale; ad esempio la password calcolatrice potrebbe essere scritta come c@lc0latric3, in cui i caratteri speciali prendono il posto delle lettere annesse. Una password del genere, forse non facilissima da ricordare aumenta notevolmente la sicurezza.

    Viene, quindi, chiesta conferma della password appena scelta

    e viene proposto di creare un utente "normale". Bisogna inserire prima la descrizione dell'utente (es. Mario Rossi)

    e poi il nome utente vero e proprio, composto da una sola parola (es. mario). Bisogna crearlo perchè sarà questo l'utente che dovrete utilizzare per accedere normalmente al computer; tale utente ha molti meno poteri di amministrazione rispetto a root e questo fa si che non si possa "accidentalmente" manomettere qualcosa di vitale del sistema operativo quando si opera con tale utente. In poche parole, quando navigate, scrivete o chattate dovete usare questo utente; se volete modificare qualche impostazione di Debian dovete utilizzare l'utente root.
    Mettete, come nome utente, il vostro nome o un nick a piaciamento, quindi proseguite,

    verrà chiesto di settare la password; tenendo presente le indicazioni precedenti, settate una nuova password (non uguale a quella di root)

    e confermate riscrivendola nella schermata successiva.

    E' giunto il momento di selezionare le fonti (repository) da cui installare il software, re-inserire il primo CD di Debian, quindi selezionare CD-Rom,

    quindi lasciare invariato il percorso presentato (a meno che non si disponga di altri lettori)

    e aspettare che il programma legga la lista del software disponibile all'interno del CD appena inserito.

    Finita la fase di lettura, verrà chiesto di leggere, eventualmente, altri CD, se si dispone di altri CD oltre al primo, selezionare e ripetere la procedura per ogni CD. Quando non si avranno più CD, selezionare per andare avanti.

    Vengono chieste le informazioni relative ad un eventuale Proxy Server che potrebbe essere presente nella rete in cui operiamo. Se non c'è un Proxy Server, lasciare il campo vuoto e selezionare .

    Adesso il programma Apt (il cui uso verrà chiarito più sotto) verifica le fonti lette (re-inserire il primo CD),

    quindi procede ad installare alcuni programmi di utilità fondamentali.

    Dopo questa fase viene chiesto di selezionare il tipo di utilizzo del nostro Computer. Un utente che viene da Windows, può tranquillamente selezionare solamente Ambiente desktop ed ignorare il resto.

    Vengono, quindi, installati tutti i programmi necessari all'utilizzo Desktop, tra cui l'ambiente grafico, il programma da ufficio ed i programmi per Internet.

    Prima di andare avanti, viene chiesto di configurare l'ambiente desktop. Se non si sa quale drivere utilizzare per la propria scheda video, selezionare vesa,

    quindi far provare al programma l'autorilevamento del mouse.

    Nel caso il mouse non venga trovato,

    selezionare il tipo dalla lista (generalmente PS/2).

    Per quanto riguarda i settaggi relativi al Monitor, dire al programma di tentare il rilevamento automatico,

    e scegliere se il monitor utilizzato è di tipo LCD (quelli piatti) o no (quelli ingombranti).

    I settaggi finali dell'ambiente grafico rigurardano le frequenze che il monitor dovrà usare.

    Per non complicarsi la vita scegliere Simple ed il programma provvederà automaticamente a rilevare le frequenze giuste.

    Infine scegliere il tipo di monitor utilizzato.

    Adesso viene la parte più lunga, l'installazione vera e propria di tutti i pacchetti (l'operazione potrebbe richiedere diverso tempo)

    che si blocca, eventualmente, solo per chiedere di cambiare CD.

    Quando tutti i programmi sono installati, il sistema provvede automaticamente a settare tutti i file di configurazione relativi.

    Il processo di installazione e configurazione è finito,

    inserite il nome utente e la password per accedere al sistema,

    quindi digitate startx per avviare l'ambiente grafico. Se non dovesse partire provate a riconfigurarlo utilizzando il comando xf86config.

    [pagebreak]

    SETTAGGI FINALI

    A questo punto abbiamo una Debian perfettamente installata e funzionante. La prima cosa da fare è aggiornare il sistema, aggiungere alcuni programmi utili e mettere a punto un po' di cose.

    Configurare la connessione
    Se non si dispone di una connessione tramite Router (come nell'esempio dell'installazione), possono essere usate sia connessioni ADSL che connessioni analogiche a 56K (sconsigliate per aggiornare la distribuzioni). Per settare una connessione ADSL, aprire una shell e digitare pppoeconf, per una connessione a 56K digitare, invece, pppconfig; il programma scelto provvederà con poche e semplici domande a settare una connessione per il vostro computer.

    La potenza di Apt-get
    Apt-get è uno degli installer più potenti e verstili disponibili. Premettendo che il vero programma che è adibito all'installazione dei pacchetti ".deb" è dpkg, apt-get ha il compito di risolvere le eventuali dipendenze e di tenere traccia delle fonti di installazione. Esistono diverse interfacce per apt-get, le più famose dselect, aptitude e synaptic, tuttavia ci soffermeremo sul metodo di installazione (ed aggiornamento) standard, perchè indipendente dall'interfaccia specifica. Le istruzioni da seguire per aggiornare la distribuzione (una volta che siamo riusciti a collegarci ad Internet) sono:
    Aprire una shell

    $ su

    - inserire la password di root -
    # cd /etc/apt
    # nano sources.list

    - aggiungere le seguenti fonti -

    # ufficiali
    deb ftp://ftp.it.debian.org/debian/ sarge main non-free contrib
    deb-src ftp://ftp.it.debian.org/debian/ sarge main non-free contrib
    deb ftp://non-us.debian.org/debian-non-US sarge/non-US main contrib non-free
    deb-src ftp://non-us.debian.org/debian-non-US sarge/non-US main contrib non-free
    # non ufficiali
    deb ftp://ftp.mowgli.ch/pub/debian sarge unofficial
    deb ftp://debian.fastweb.it/debian testing main contrib non-free
    deb ftp://ftp.nerim.net/debian-marillat/ testing main

    - premere CTRL+O e CTRL+X -
    # cd /root
    # apt-get update

    (per aggiornare la lista dei pacchetti dei repository)

    Per aggiornare la distribuzione scegliere una delle seguenti opzioni

    # apt-get upgrade
    (per aggiornare i pacchetti senza intaccare alcuni pacchetti importanti)

    # apt-get dist-upgrade
    (per aggiornare i pacchetti, anche in modo radicale)

    # apt-get dselect-upgrade
    (come dist-upgrade, ma dovrebbe risolvere meglio le dipendenze - CONSIGLIATO)
    # apt-get clean

    Risolvere problemi di installazione dei pacchetti (ed altro)
    Può capitare, durante l'aggiornamento o l'installazione di un pacchetto, che un programma non venga installato correttamente. In questo caso la prima cosa da scrivere è:

    # apt-get -f install

    Se non si riesce a risolvere il problema, potrebbere essere necessario forzare l'installazione; una volta segnato il nome del pacchetto "antipatico" (es. programma-1.2-386), procedere come segue:

    # cd /var/cache/apt/archives
    # dpkg --force-all -i programma-1.2-386.deb

    Personalizzare l'ambiente Desktop
    Le personalizzazioni dell'ambiente desktop più importanti riguardano sicuramente tre punti chiave, il primo riguarda Grub, è conveniente, infatti, aggiungere uno splashimage per rendere l'avvio più "colorato"; per vedere come fare consultare la seguente Guida su GRUB, mentre per qualche splashimage già pronto provate QUI. Il secondo punto chiave riguardo il gestore di avvio grafico, GDM, per trovare temi già pronti andate sul sito Art.Gnome.org. Il terzo punto è l'ambiente desktop, per l'ambiente KDE consigliamo di consultare il sito Kde-Look, invece per GNOME consigliamo sia il precedente Art.Gnome.org, sia Gnome-Look.

    [pagebreak]

    NOTE, INFO e TODO

    La presente guida è in continuo aggiornamento ed ampliamento, quindi si invitano i lettori a segnalare eventuali errori (e sicuramente ce ne sono) e a proporre aggiunte che potrebbero risultare utili. In futuro, tempo permettendo, la guida verrà ampliata (come contenuti e come screenshot) e, se possibile, tradotta in inglese. L'autore, Fabrizio Ciacchi, è reperibile all'indirizzo email fabrizio@ciacchi.it, presso il sito http://fabrizio.ciacchi.it, via ICQ - 23409340 o via MSN all'indirizzo email di cui sopra.





    Commenti

    Ritratto di fabiog367
    #1

    Inviato da fabiog367 il Mer, 22/09/2004 - 17:46.

    Che ansia!

    Mai vista una guida che deve ancora uscire che abbia così tanti visitatori Laughing

    Registered User #366480
    Kubuntu 7.10 on Sony Vaio PCG-FR215S and PCG-Z1RSP ('na belva!)



    Ritratto di aenigma
    #2

    Inviato da aenigma il Lun, 11/10/2004 - 14:12.

    Re: Che ansia!

    Ambitissima questa guida....
    Laughing Laughing Laughing Laughing



    Ritratto di submax
    #3

    Inviato da submax il Ven, 29/10/2004 - 11:44.

    Re: Che ansia!

    ma visto il grosso successo della guida, non si può fare una versione in pdf più comoda da stampare e quindi consultabile molto più facilmente durante l'installazione!?

    go debian! Laughing



    Ritratto di agosgera
    #4

    Inviato da agosgera il Lun, 17/01/2005 - 21:22.

    kernel

    Credo che saresti in grado di darmi una mano, nel compilare il kernel 2.6.8-1-k7.
    Io riesco solamente ad avere dei kernel panic.
    Questa e la mia configurazione.

    Processore: AMD SEMPRON da 2600 Mhz
    BUS: 333 MHz
    Memoria: 512 Mb a 400 MHz

    Disco fisso: 40 Gb, 7200 rpm, UDMA 133, 8Mb cache

    Lettore DVD/lettore scrittore CD: multifunzione DVD NEC - CDROM 52x

    Scheda video: Integrata, VIA S3 UniChrome 2D/3D MPEG2 e DuoView Tech.
    Scheda audio: Integrata, 6 CH alta qualità AC97
    Scheda rete: Integrata, Ethernet 10/100 M/bit

    File System Reiser /
    Ext3 /boot
    Swap
    kernel

    8-)