dir password

4 risposte [Ultimo contenuto]
Ritratto di linux
linux
(Junior)
Offline
Junior
Iscritto: 01/04/2008
Messaggi: 40

ciao a tutti,come posso impostare la password a una cartella?in modo che posso entrarci solo io

Ritratto di gabry
gabry
(Monster)
Offline
Monster
Iscritto: 29/10/2006
Messaggi: 395

penso che una cosa più semplice possa essere quella di modificare opportunamente i permessi alla cartella che vuoi proteggere.

supponendo che la cartella sia "/mnt/cartella_segreta/":
chmod u+rwx /mnt/cartella_segreta
chmod og-rwx /mnt/cartella_segreta
ovvero levi i permessi per la lettura, scrittura e navigazione nelle sottodirectory a tutti tranne che a te...e all'utente "root" ovviamente (perché root può fare quello che vuole Laughing).

in alternativa dovresti utilizzare dei meccanismi di cifratura...una via semplice potrebbe essere quella di fare come dice qui, oppure qui.

spero di essere stato utile.

ciao ciao

"Non e' la legge che decide cosa e' giusto e cosa e' sbagliato"
R. Stallman

Ritratto di kripsio
kripsio
(Collaboratore)
Offline
Collaboratore
Iscritto: 10/09/2004
Messaggi: 1511

Personalmente uso true crypt http://www.truecrypt.org/

Crei e monti volumi crittati con una passphrase o con un keyfile. E' multipiattaforma (linux/mac/win) e di facile uso.

Cambiare i permessi è poco utile. Inibisci l'accesso ai file su quella macchina ma non a chi ha accesso fisico alla macchina.
Soprattutto su un notebook i file privati dovrebbero essere SEMPRE crittati. Anche un furto della macchina non permette al furfante di appropriarsene.

Io sul mio notebook tutto fare ho crittato la directory ~/.mozilla. Quando mi serve il mio ambiente firefox la monto, quando mi serve semplicemente un browser non lo monto ed ho una configurazione senza dati di alcun tipo.

Inoltre ho una directory con dati particolarmente sensibili e la monto quando mi serve.

Ritratto di Claudio
Claudio
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 05/09/2007
Messaggi: 1100

Quote:

kripsio ha scritto:
Personalmente uso true crypt http://www.truecrypt.org/

Crei e monti volumi crittati con una passphrase o con un keyfile. E' multipiattaforma (linux/mac/win) e di facile uso.

Cambiare i permessi è poco utile. Inibisci l'accesso ai file su quella macchina ma non a chi ha accesso fisico alla macchina.
Soprattutto su un notebook i file privati dovrebbero essere SEMPRE crittati. Anche un furto della macchina non permette al furfante di appropriarsene.

Io sul mio notebook tutto fare ho crittato la directory ~/.mozilla. Quando mi serve il mio ambiente firefox la monto, quando mi serve semplicemente un browser non lo monto ed ho una configurazione senza dati di alcun tipo.

Inoltre ho una directory con dati particolarmente sensibili e la monto quando mi serve.

Pienamente d'accordo. Anche perché cambiando solo i permessi da root non sei sicuro che un utente non possa accedervi via windows o comunque diventando root della tua macchina da una distro live

Notebook Hp Pavilvion dv6 i5 amd64, 4 GB Ram, scheda grafica nVidia Corporation GT216 [GeForce GT 320M] (rev a2)
Notebook Acer Asprire 5755G amd64, 8 GB Ram, scheda grafica nVidia GeForce GT 540M
Debian testing kde

Ritratto di fortAlamo
fortAlamo
(Junior)
Offline
Junior
Iscritto: 04/07/2005
Messaggi: 23

stufo di paciugare con truecrypt ogni volta che aggiornavo il kernel alla fine sul portatile ho optato per una /home criptata.
con cryptsetup

sulle penne usb uso encfs/fuse, che consente di avere directories "irraggiungibili" se non montandole con la pass.

Sidux, & Debian Lenny su V3510; kde4;
Arch & BT su AcerAspireOne