assegnare un nome di dominio a un server "casalingo"

15 risposte [Ultimo contenuto]
Ritratto di pandaubuntu
pandaubuntu
(Geek)
Offline
Geek
Iscritto: 04/05/2012
Messaggi: 114

mettendo di avere a disposizione un pc con delle buone prestazioni, ci installo sopra debian e tutte le cose per il server "ssh, apache, samba ecc..." se volessi fare in modo che il mio server sia raggiungibile all'intero mondo (e non solo alla rete locale digitando l'ip).
per intendere ci dovrei fare un repository, ma prima di fare ciò naturalmente prima devo renderlo "accessibile" all'intero "world wide web".

un'altra cosa, mettendo di avere 8 GB di ram e un processore AMD da 6 core (3.3 GHz) quante richieste apt mi può sopportare?

Ritratto di badroot
badroot
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 22/08/2008
Messaggi: 2068

Perchè il tuo server sia raggiungibile dall'esterno devi uare un servizio di DNS, tipo questo, ma ce ne sono altri, per avere un nome che venga regolarmente mappato all'indirizzo IP che ti assegna il provider, che puoi vedere da siti come questo.
Tieni presente che molti router permettono già di gestire i servizi di DNS dinamico senza quindi dover installare niente sul tuo server.
Detto questo sempre dal tuo router devi aprire le porte TCP/UDP dei servizi che dall'esterno devono arrivare all'ip locale del tuo server.
Ovviamente devi porre la massima attenzione alle politiche di sicurezza per evitare intrusioni non autorizzate sul server, argomento non proprio dei più semplici.

Ritratto di mcortese
mcortese
(Moderatore)
Offline
Moderatore
Iscritto: 27/02/2009
Messaggi: 2918

La domanda è un po' vaga.

Intanto la visibilità dall'esterno è dipende dal tuo ISP. Il tuo ti mette a disposizione un IP fisso? È un IP pubblico o è valido solo nella sua sottorete (esempio classico: Fastweb)?

Per quanto riguarda la connessione vera e propria, dipende da cosa c'è tra te e il mondo esterno. Hai un router? Hai un modem? Hai un firewall?

Infine, che servizio vuoi offrire? Scaricamento dei pacchetti tramite HTTP, immagino, e poi? FTP, rsync...?

Parlando di HTTP, le "richieste apt" in realtà non sono diverse dal normale navigare e scaricare con un browser. Un server HTTP non deve far altro che servire file: il collo di bottiglia sarà la rete, non certo la CPU.

Ritratto di pandaubuntu
pandaubuntu
(Geek)
Offline
Geek
Iscritto: 04/05/2012
Messaggi: 114

ho un adsl telecom (quindi direi pubblico).
solo non capisco l'ip fisso se intendi quello pubblico o quello locale?
telecom che vi risulti offre già dei servizi DNS e c'é una guida che tratti sulle porte e i protocolli (sono "nuovo" sull'argomento reti e mi piacerebbe apprendere molto di più Smile ).

Ritratto di badroot
badroot
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 22/08/2008
Messaggi: 2068

Di solito l'indirizzo fornito da Telecom è un IP dinamico, cioè che cambia o meglio può cambiare, anche io ho Telecom è il mio indirizzo IP pubblico è praticamente lo stesso da molto tempo.
Alcune società forniscono, anche gratuitamente, un servizio di DNS dinamico per cui ti fanno scegliere, entro certi limiti, il nome che vuoi dare al tuo host in rete e loro lo abbinano al tuo indirizzo IP pubblico, che come ti dicevo puoi vedere visitando siti come www.showmyip.it.
Per fare questa operazione prima ti devi iscrivere a uno di questi servizi e poi usi un programma che ti forniscono loro e permette di contattare i loro server comunicando il tuo indirizzo IP pubblico in maniera che loro aggiornino la cache DNS e quindi tu sia raggiungibile.
Sul mio router D-Link è possibile configurare il servizio direttamente con DynDNS.org, sempre previa iscrizione, e quindi sul server non devi installare nulla perchè si arrangia il router.
Poi sempre dal router, almeno con i D-Link ma penso sia possibile con tutti, devi gestire il port forwarding e cioè dire che il traffico che arriva sulla porta TCP 80 ( per HTTP ) va diretto sulla porta 80 dell'indirizzo IP locale del tuo server.
Se cerchi in rete port forwarding trovi sicuramente molta documentazione.
Perdonami se non sono stato troppo preciso nell'esposizione ma non è proprio il mio pane questo.

Ritratto di homeless
homeless
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 21/10/2011
Messaggi: 1431

pandaubuntu ha scritto:

ho un adsl telecom (quindi direi pubblico)


Sebbene off-topic, mi sembra utile ricordare che le ADSL sono per definizione "asimmetriche" per quanto riguarda la larghezza di banda in download/upload. Pertanto, come suggeriva mcortese, le prestazioni del servizio http che offrirai agli ipotetici utenti sarà fortemente condizionato dalle caratteristiche del servizio ADSL di cui usufruisci e, comunque, penalizzato dalla natura asimmetrica dello stesso.

Ritratto di pietro
pietro
(Collaboratore)
Offline
Collaboratore
Iscritto: 30/06/2005
Messaggi: 1124

Esattamente.

Quanta banda hai in upload? Normalmente i valori sono 512Kbit/s per una ADSL a 8Mbit/s ed 1Mbit/s per ADSL a 20Mbit/s.

Secondo me e' pochissimo per un server pubblico, non ti rimarra' niente per te quando gli altri scaricano, la cosa migliore e' un servizio in hosting.

Una domanda: qual'e' il tuo obiettivo? Creare un repository con sw che non esiste pacchettizzato da nessuna parte oppure fare un semplice mirror? In quest'ultimo caso e' fatica sprecata a meno che non vuoi semplicemente giochicchiare e/o fare esperienza nel setup di un repository.

Pietro

Debian. Be unique.

Ritratto di pandaubuntu
pandaubuntu
(Geek)
Offline
Geek
Iscritto: 04/05/2012
Messaggi: 114

mi serve per un mio progetto (un sistema operativo basato su pacchetti debian),in parte devo fare da mirror a un server debian perché molti pacchetti mi vanno già bene cos'ì e non avrebbe senso ricrearli (ad esempio libc6 o gcc).
altri pacchetti però li voglio un pò modificare ed altri ancora sono del tutto nuovi ma visto che non sono ricco sfondato e non mi posso permettere 150€ al mese per un server dedicato (o un VPS con caratteristiche accettabili) e non mi danno la pagetta, la mia unica idea era quella di prendere (o assemblare) un pc con delle buone caratteristiche e sborsando circa 20€ l'anno (http://www.dtdns.com/ , il servizio a pagamento), lo attacco e lo configuro a internet con un server debian installo i pacchetti necessari (apt-mirror, dpkg-www ecc...).
come se non bastasse sono da solo a lavorare al progetto.

Ritratto di pietro
pietro
(Collaboratore)
Offline
Collaboratore
Iscritto: 30/06/2005
Messaggi: 1124

Beh, le informazioni le hai avute tutte, mi sembra, ti manca ancora qualcosa?

Una domanda: perche' vuoi spendere i 20 EUR? Non ti basta il servizio free? Avrai solo alcuni domini prefissati tra i quali scegliere, ma il nome di ultimo livello dell'host lo scegli tu. Io lo uso da anni e non mi ha mai dato problemi.

Pietro

Debian. Be unique.

Ritratto di pandaubuntu
pandaubuntu
(Geek)
Offline
Geek
Iscritto: 04/05/2012
Messaggi: 114

mi è rimasta solo una domanda allora, se l'adsl non và bene allora che cosa dovrei guardare secondo voi?

Ritratto di pietro
pietro
(Collaboratore)
Offline
Collaboratore
Iscritto: 30/06/2005
Messaggi: 1124

La prima fase in ogni progetto si chiama "analisi dei requisiti" ed e' la cosa piu' importante in quanto guida la soluzione. Se non fornisci i requisiti come possiamo dirti qual e' la soluzione? Soluzione a cosa?

Per la banda dovresti identificare qual e' quella minima di cui hai bisogno e poi decidi se l'ADSL e' sufficiente o meno (non hai ancora risposto alla mia domanda sulla banda in upload).

Se devi farti arrivare una linea dedicata, penso che ti costerebbe di piu' di un servizio di hosting. E comunque non penso che i servizi di hosting costino tutti 150 EUR al mese, ce ne sono sicuramente di piu' abbordabili.

Tutto dipende dall'uso che ne dovrai fare (requisiti!). Ad esempio su Altervista puoi crearti un sito gratis con 500MB di storage e 10GB di banda mensile: ti basta? Se te ne serve di piu' basta pagare le espansioni, ma per evitare di spendere di piu' del necessario devi prima identificare i requisiti del tuo progetto e poi cercare la soluzione piu' economica che soddisfa i requisiti.

Pietro

Debian. Be unique.