[Risolto] Samba lato client

16 risposte [Ultimo contenuto]
Ritratto di mcortese
mcortese
(Moderatore)
Offline
Moderatore
Iscritto: 27/02/2009
Messaggi: 2918

Ho modificato il tuo messaggio convertendo i tag "quote" in "code".

Non manca un auto tra le opzioni?

Ritratto di nemo87
nemo87
(Junior)
Offline
Junior
Iscritto: 20/01/2017
Messaggi: 36

uh scusa, non avevo notato l'errore Tongue
a quali opzioni ti riferisci?
Se provo a montare la cartella digitando il comando:

sudo mount -t cifs "//SERVER/documenti" -o user=xxx,pass=xxxuid=1000,gid=1000,file_mode=0777,dir_mode=0775 "/home/nemo/Scrivania/documenti"

ricevo questo messaggio:

mount error: could not resolve address for SERVER: Unknown error

Ritratto di mcortese
mcortese
(Moderatore)
Offline
Moderatore
Iscritto: 27/02/2009
Messaggi: 2918

Direi che non trova la macchina SERVER. Prova prima a vedere se è raggiungibile:

ping SERVER

Ovviamente il nome che usi al posto di SERVER deve essere noto al sistema. Se è un nome di fantasia, dev'essere risolto da un DNS o dal file /etc/hosts. Altrimenti puoi sempre usare l'IP numerico.

Ritratto di nemo87
nemo87
(Junior)
Offline
Junior
Iscritto: 20/01/2017
Messaggi: 36

dando il comando: ping //SERVER ricevo questo messaggio:

root@debian:/home/nemo# ping //SERVER
ping: //SERVER: Nome o servizio sconosciuto

Se invece provo a dare ping 192.168.xxx.xxx

PING 192.168.xxx.xxx (192.168.xxx.xxx) 56(84) bytes of data.
64 bytes from 192.168.xxx.xxx: icmp_seq=1 ttl=64 time=0.706 ms
64 bytes from 192.168.xxx.xxx: icmp_seq=2 ttl=64 time=0.385 ms
64 bytes from 192.168.xxx.xxx: icmp_seq=3 ttl=64 time=0.380 ms
64 bytes from 192.168.xxx.xxx: icmp_seq=4 ttl=64 time=0.367 ms
64 bytes from 192.168.xxx.xxx: icmp_seq=5 ttl=64 time=0.383 ms
^C
--- 192.168.1.11 ping statistics ---
5 packets transmitted, 5 received, 0% packet loss, time 4074ms
rtt min/avg/max/mdev = 0.367/0.444/0.706/0.131 ms

Naturalmente inserendo l'IP monta le 2 cartelle, quindi l'ho inserito anche nel comando in /etc/fstab, mi resta il dubbio del perchè non riconosca il nome del server...

Riscontro un ultimo problemino... su raspberry ho configurato 2 utenze in samba la mia e un altra, la mia monta 3 cartelle, l'altra utenza ne monta una sola...
Effettuando il login però da qualsiasi utente vedo tutte e 4 le cartelle e non una cartella per un utente e 3 per l'altro...
il file è così configurato:

[global]
 
workgroup = WORKGROUP
netbios name = SERVER
server string = %h server
dns proxy = no
log file = /var/log/samba/log.%m
max log size = 1000
syslog = 0
panic action = /usr/share/samba/panic-action %d
security = user
encrypt passwords = true
passdb backend = tdbsam
obey pam restrictions = yes
unix password sync = yes
passwd program = /usr/bin/passwd %u
passwd chat = *Enter\snew\s*\spassword:* %n\n *password\supdated\ssuccessfully* .
pam password change = yes
 
[nemo]
 
 [documenti]
            comment = documenti di Gian
            path = /mnt/nemo/documenti
            case sensitive = yes
            strict locking = no
            writable = YES
            browsable = YES
            force group = nemo
            valid user = nemo
            write list = nemo
            read list = nemo
            create mask = 0777
            directory mask = 0777
            vfs object = recycle
[stampa]
            comment = foto da stampare
            path = /mnt/nemo/stampa
            case sensitive = yes
            strict locking = no
            writable = YES
            browsable = YES
            force group = nemo
            valid user = nemo
            write list = nemo
            read list = nemo
            create mask = 0777
            directory mask = 0777
            vfs object = recycle
 
[lavoro]
            comment = documenti per il lavoro
            path = /mnt/nemo/lavoro
            case sensitive = yes
            strict locking = no
            writable = YES
            browsable = YES
            force group = nemo
            valid user = nemo
            write list = nemo
            read list = nemo
            create mask = 0777
            directory mask = 0777
            vfs object = recycle
 
[enza]
 
      [file]
            comment = documenti di enza
            path = /mnt/enza/file
            case sensitive = yes
            strict locking = no
            writable = YES
            browsable = YES
            force group = enza
            valid user = enza
            write list = enza
            read list = enza
            create mask = 0777
            directory mask = 0777
            vfs object = recycle

Ritratto di mcortese
mcortese
(Moderatore)
Offline
Moderatore
Iscritto: 27/02/2009
Messaggi: 2918

Citazione:

mi resta il dubbio del perchè non riconosca il nome del server...

Temo ci sia un po' di confusione sul concetto di nome.

Internet usa un insieme di protocolli e convenzioni che di solito chiamiamo TCP-IP. Secondo questo modello, ogni nodo della rete è univocamente determinato dal suo indirizzo IP. Visto che gli umani non sono molto bravi a ricordare numeri, assegnano anche uno o più nomi di fantasia e poi li inseriscono in vere e proprie rubriche che associano nomi e IP. L'esempio più classico è la macchina locale che corrisponde all'indirizzo 127.0.0.1, a cui per convenzione è automaticamente assegnato il nome localhost. Invece il nome con cui un nodo è conosciuto dagli altri è il suo cosiddetto hostname: prova il comando hostname per sapere quello del tuo PC.

Si dice "risolvere" un nome per indicare il trovare l'indirizzo IP corrispondente in una delle rubriche a disposizione. Ogni sistema Linux ha una rubrica locale nel file /etc/hosts. Ad esempio, se guardi quello del tuo PC vedrai sicuramente localhost e il tuo hostname. Se hai altre macchine di cui conosci l'IP e vuoi accedere con un nome di fantasia, basta che lo aggiungi. Ovviamente quando il numero di nodi cui vuoi accedere supera un certo numero, non puoi pensare di elencarle tutte in un file statico. Per questo è stato inventato un servizio simile alla guida del telefono, ma distribuito, che si chiama DNS. Se vuoi sapere l'indirizzo IP di google.com lo chiedi al DNS.

Tutto questo è stato inventato negli anni '70 e da allora funzione per tutte le reti TCP-IP, tra cui Internet. Anni dopo è arrivata Microsoft e ha pensato: perché aderire a uno standard che funziona quando posso inventarne uno nuovo e incompatibile? E così ha fatto: ha reinventato il DNS battezzandolo NETBIOS. Quindi da Windows NT in poi, ogni macchina ha il suo nome NETBIOS. Ma visto che lo standard TCP-IP si è imposto comunque e tutti i router in giro per il mondo funzionano con questo standard, oggi ogni macchina Windows che faccia parte di una rete ha necessariamente sia un "nome NETBIOS" sia un "nome DNS". Nota che io qui uso questi termini per chiarezza ma nella documentazione ufficiale troverai sempre e solo termini ambigui come "hostname", "server name", "domain name" e ti sarà difficile capire dal contesto di quale nome si sta parlando. Di solito, ma non è obbligatorio, i nomi DNS sono tutti minuscoli, quelli NETBIOS sono tutti maiuscoli.

Tutta questa lunghissima introduzione per arrivare a dire che nel file /etc/fstab devi citare il server usando una convenzione che Linux possa capire, quindi o l'indirizzo IP o un nome risolto dal file /etc/hosts o da un DNS. Invece "SERVER" è il nome NETBIOS, che Linux non può risolvere.

Ritratto di nemo87
nemo87
(Junior)
Offline
Junior
Iscritto: 20/01/2017
Messaggi: 36

Ti ringrazio per la spiegazione che mi hai dato, mi hai schiarito un pò le idee Smile