montaggio directory con fstab

1 risposta [Ultimo contenuto]
Ritratto di marcogalassi
marcogalassi
(Junior)
Offline
Junior
Iscritto: 13/10/2016
Messaggi: 49

Ho dovuto formattare la la root e per fabbisogno ho formattato e diviso la /home e altre directory.
NOn ricordo come attivare le directory dopo una formattazione di /root: ci riuscì un pò di tempo fa, ma non mi sono ricordato questa volta come fare.
Quando ho formattato, la /home è collocata in sda2 e la swap in sda3.
Da shell entro in root e digito il comnado "blkid" per copiarmi la UUID del dispositivo e inserirla nella directory "nano /etc/fstab"
Le guide sono queste:
https://wiki.ubuntu-it.org/Hardware/DispositiviPartizioni/SpostareHomePartizioneSeparata
https://wiki.debian.org/it/fstab

Al riavvio il sistema non partiva perchè non la /home non era riconosciuta: provai anche con mount /dev/sda2, o mount /dev/sda2 /home.
Mi insegnate come montare correttamente una directory separata da root dopo una formattazione ?

Altro processo tecnico: se dispongo di più sistemi operativi, posso sostituire e rendere una directory, esempio /home, come unica per tutte le distro ?
Uso Ubuntu, Debian, ARch,

Debbo capire questo processo di montaggio delle directory quando sarò costretto a installare Debian con le directory divise nell'hdd.

Grazie.

Ritratto di mcortese
mcortese
(Moderatore)
Offline
Moderatore
Iscritto: 27/02/2009
Messaggi: 2918

Scusa, ma se hai formattato la root, come fai a far partire il sistema? E quale file /etc/fstab pensi ci sia in un file system appena formattato?

Se tutto ciò che ti serve è il formato delle righe del file /etc/fstab, allora sono tutte più o meno così:

/dev/sda1  /      ext4  rw          0 0
/dev/sda2  /home  ext4  rw,noatime  0 0

In alternativa a /dev/sda1 ecc. puoi usare il codice UUID della partizione, così:
UUID=6b5842d8-aec7-4f46-6bb8-56437551d5e0  /      ext4  rw          0 0

Il problema di usare una partizione per più distribuzioni è che gli utenti potrebbero non coincidere. Ad esempio, se crei un nuovo utente "pippo" in Debian, il sistema gli assegnerà il primo ID utente libero, diciamo 1000. Allora creerà una directory /home/pippo con owner=1000. Tutti i file creati lì dentro saranno scrivibili solo dell'utente con ID 1000. Poi passi a Ubuntu e anche qui devi creare l'utente "pippo", ma se gli viene assegnato un ID diverso, non sarà mai davvero in grado di manipolare i file nella sua stessa home.

Si può ovviare definendo gli ID a mano su tutte le distro, ad esempio:

adduser --uid 1234 --gid 1234 pippo